Accedi al sito
Serve aiuto?

    Street artist 07B1-black (2013) 90x90 digital print on canvas

    Probably the advent of photography, able to represent reality with absolute fidelity, he freed, as far as the portrait, contemporary artists from the academic stylistic rules: the portrait as an expression of artistic figurative representation has become over the centuries, even if gradually, more and more anti-naturalistic, until it became essential for the artist to be able to grasp the character or psyche of the individual rather than the outward appearance, just as already many centuries ago Aristotle had stated: "The purpose of art is to present not the outward appearance of things, but their inner meaning: because is this and not the way or the exterior detail which is the true reality"

    In the history of art, almost all the great masters have dedicated themselves to portrait (Piero della Francesca, Antonello da Messina, Sandro Botticelli, Leonardo da Vinci, Tiziano, Raffaello ...) In the second half of the nineteenth century, Henri de Toulouse-Lautrec he specialized in portraits of theater artists of the time and of prostitutes, with depictions extraordinarily attractive to the technique used and the colors, but especially for his ability to capture the character of the people.

    Choosing a particular attitude to capture, a gesture, an expression, means trying to peer into the character of the person portrayed and art history has bequeathed to us countless examples of works that have achieved extraordinary psychological effects, starting from the emblematic Mona Lisa by Leonardo, to the prostitutes of Toulouse Lautrec, or Marilyn from Andy Warhol. 

    My research is to explore and propose the exasperation of reality in the portrait, the various effects and expressions that characterize a human face.My favorite characters are the street performers and what interests me is a '"snapshot" of the subject in action, the depiction of facial features and the search of the expression that characterizes him.

    Probabilmente l’avvento della fotografia, in grado di rappresentare la realtà con una fedeltà assoluta, ha affrancato, per quanto riguarda il ritratto, gli artisti contemporanei dalle regole stilistiche accademiche: il ritratto come espressione della rappresentazione figurativa artistica è divenuto nel corso dei secoli, anche se in modo graduale, sempre più anti-naturalistico, fino a divenire essenziale per l’artista riuscire a cogliere il carattere o la psiche dell'individuo piuttosto dell'aspetto esteriore, proprio come già tanti secoli fa aveva enunciato Aristotele:  "Lo scopo dell'arte è di presentare non l'apparenza esteriore delle cose, ma il loro significato intrinseco; poichè è questo e non la maniera o il dettaglio esterno che costituisce la vera realtà"
    Nella Storia dell’Arte, quasi tutti i più grandi maestri si sono dedicati al ritratto (Piero della Francesca, Antonello da Messina, Sandro Botticelli, Leonardo da Vinci, Tiziano, Raffaello...) 

    Nella seconda metà del XIX secolo, Henri de Toulouse-Lautrec si specializzò nei ritratti di artisti del teatro dell'epoca e di prostitute, con raffigurazioni straordinariamente attraenti per la tecnica usata e per i colori, ma soprattutto per la capacità di cogliere il carattere dei personaggi. Scegliere un particolare atteggiamento da immortalare, un gesto, un'espressione, significa cercare di scrutare il carattere della persona ritratta e la storia dell’arte ci ha tramandato infiniti esempi di opere che hanno raggiunto straordinari effetti psicologici, a partire dall'emblematica Monna Lisa di Leonardo fino alle prostitute di Toulouse Lautrec, o alle Marilyn di Andy Wharol.

    La mia ricerca consiste nell’esplorare e proporre l'esasperazione della realtà nel ritratto, i vari effetti e le espressioni che caratterizzano un volto umano. I miei personaggi preferiti sono gli artisti di strada e quello che mi interessa è un’ "istantanea" del soggetto in azione, la raffigurazione dei tratti somatici e la ricerca dell'espressione che lo caratterizza.

raffaele cavazzoni artist & architect
7 place Jean Baptiste Clément
75018 - Paris
France
 
Tel: +39 335 1098483
Fax: +39 0376 292 022
rk@raffaelecavazzoni.com